Clicca la X per chiudere

Mare e Natura

Le valli da pesca

Fino a due secoli fa Caorle era praticamente un'isola circondata da barene (dossi di terra ricoperti da vegetazione che emergono dal mare in base alle maree e  che sono tipici delle lagune), paludi e valli lagunari. Viene da sé che la pesca in laguna era l’attività primaria dei nostri antenati, che per un lungo periodo storico hanno goduto in via esclusiva del possesso e della possibilità di pescare e cacciare nel territorio della Laguna di Caorle.

Questo privilegio dura dal 1439 al 1690 quando gran parte della Laguna viene dichiarata di pubblico interesse, suddivisa in lotti e messa in vendita; nel 1853 i caorlotti si uniscono nuovamente in un Consorzio, tra i primi nel suo genere in Italia, che acquisisce tutti i diritti di pesca nella zona.
A partire dal 1950, la pesca si sposta dalla laguna al mare aperto e i bragozzi, ultimo baluardo della pesca tradizionale a vela e portata avanti con immensa fatica da parte dell’uomo, cedono il passo ai motopesca.


Condividi le tue esperienze sui social /caorletourism

Logo footer

© 2018 Fondazione Caorle Città dello Sport
via Roma, 26 
30021 Caorle (Venezia)
p.iva / c.f. 03923230274